OCEANIC BODYWORK AQUA OBA

CENTRO CLINICO ITALIANO PER L'ADHD

PER IL BAMBINO E L'ADULTO

OCEANIC BODYWORK AQUA (OBA)

PER IL BAMBINO CON ADHD E DISTURBO DEL COMPORTAMENTO

 

 

Collabora con il Centro Italiano per l'ADHD Laura Ricci, trainer Oceanic Bodywork Aqua e Watsu, creatrice de La non Ginnastica® e coofondatrice di Aquamialgia®.

Lavoro in acqua da oltre 15 anni, prima come insegnante di fitness poi nella dimensione olistica; porto in acqua disabili, fibromialgici e con chiunque desideri provare a vivere emozioni attraverso l’Acqua.

 

Acqua calda e bambini con ADHD

 

L’Acqua rappresenta ,per me, una forma di arte unica: una risorsa potente, gioiosa, silenziosa, accogliente e “riparatrice”.

L’Oceanic Bodywork Aqua ha come principio fondante la profondità e il contatto delle memorie prenatali, si esplora l’acqua a 360° sia in superficie che sotto. Con OBA si possono mobilizzare tutte le articolazioni e anche portare allungamenti là dove ci sia la necessità. La preferisco al watsu che porta sì un riequilibrio psicofisico ma lavora solo in . superficie.

Nella sua totale accoglienza ( Acqua calda a 34°/35°) i bambini con ADHD potrebbero trovare un naturale rilassamento a livello muscolare in assenza di gravità e un elemento dove poter sfogare senza alcun danno l’impulsività motoria e verbale.

Attraverso l’acqua il bambino può lavorare sulla propria percezione e attenzione, sul contatto fisico e la fiducia, sul gioco.

Interessante è esplorare il sopra e il sotto acqua e lavorare quindi sulla respirazione.

Grazie alle tecniche di rilassamento previste, il bambino può sperimentare culle, massaggi rilassanti sui muscoli tesi o ipertonici sdraiati su cuscini e tubi; passare da uno stato di relax al gioco sempre “guidato” dall’operatore.

Gli obiettivi del lavoro in acqua calda verso l’ADHD sono:

  • Regolare il respiro attraverso l’alternanza del sopra e sotto acqua con conseguente senso di benessere e calma.
  • Imparare a sentirsi radicati in acqua sempre guidati da pratica di respiro immaginando di essere piccoli alberi che vengono piantati e che, radicandosi sul fondo della vasca (respiro /piedi) possono crescere verso il cielo e via via immaginare paesaggi e animali .
  • Migliorare il senso di ascolto e fiducia attraverso il gioco
  • Stimolare la verbalizzazione di emozioni provate ricevendo movimenti e posizioni particolari in acqua
  • Dare risalto al silenzio come ascolto interno
  • Rilassare attraverso tocchi e massaggi
  • Cambiare ritmo degli impulsi motori coadiuvati dalla resistenza dell’acqua e di ausili come tubi e/o galleggianti ; imparare a correre sospesi, gestire i tubi con i piedi e altre attività simili
  • Stimolare l’interattività attraverso giochi